Micromanagement: cos’è e come evitarlo
extra_toc

Quando un business non funziona, la reazione più comune tra gli imprenditori è modificare la propria strategia di marketing. Una scelta indubbiamente saggia, dato che il marketing è un driver fondamentale per la crescita di un’azienda, ma ogni imprenditore dovrebbe tenere bene a mente che da solo non basta. Soprattutto se l’ottimo lavoro di marketing viene rovinato da una pessima gestione del team aziendale.

In questo articolo ti spiegherò cos’è il micromanagement e perché, se l’hai inconsapevolmente adottato, dovresti subito rivedere il tuo metodo.

Se hai bisogno di aiuto puoi rivolgerti a _blank. Compila il modulo nella nostra homepage.


Cos’è il micromanagement?


Secondo Wikipedia possiamo definire il micromanagement come “lo stile manageriale dove i manager osservano da vicino e/o controllano il lavoro del proprio subordinato o impiegato”.

Si tratta quindi di una forma di controllo che non lascia spazio all’autonomia di ogni professionista e che, volendo entrare nel pratico, si manifesta in comportamenti come:

  • la costante pressione sulle singole task:
  • la richiesta di continui report;
  • la pretesa che il lavoro venga svolto solo nel modo che ha immaginato il manager;
  • il controllo ossessivo su dettagli inutili;
  • l'imposizione del proprio metodo.

Tendi anche tu a comportarti così coi tuoi dipendenti?
Non c’è da vergognarsi. Un tempo si riteneva che questo fosse il solo modo per ottenere risultati e molte aziende nate nei decenni scorsi hanno conservato questo tipo di impostazione.

C’è però una cosa di cui devi prendere coscienza: il micromanagement non funziona. Se anche hai la sensazione che ti stia portando buoni risultati, in realtà potresti ottenere molto di più se lo abbandonassi.

Rivolgiti a _blank se vuoi ricevere una consulenza su come impostare in maniera più efficace la gestione del tuo team. Nella nostra homepage puoi prenotare una call gratuita in pochissimi click.


Perché il micromanagement è dannoso?


Quando dico che il micromanagement non funziona non ti sto condividendo solo una mia opinione. In realtà è dimostrato che ha un impatto negativo su diversi aspetti dell’azienda che vanno poi a incidere anche sul profitto.


  1. I dipendenti che lavorano sotto livelli di pressione così alti, sviluppano inevitabilmente ansia e stress da lavoro. Non di rado finiscono per lasciare l’azienda, tant’è che le realtà in cui si applica il micromanagement fanno fatica a trattenere talenti nel loro organico.

  2. Quando si pone un’attenzione tanto maniacale ai dettagli e alle singole task, è facile perdere di vista l’insieme. Spesso i manager che adottano il micromanagement non si rendono conto delle dinamiche interne alla loro squadra e perdono di vista anche i macro-obiettivi aziendali.

  3. In un’azienda in cui vige un clima di continuo controllo è difficile che i dipendenti siano a loro agio. Chi lavora con la sensazione di essere soffocato e osservato commette più errori di chi si sente completamente a suo agio.

  4. Il micromanagement inibisce anche l’evoluzione dei dipendenti [e di conseguenza quella dell’azienda]. Se questi non hanno la libertà di esprimersi, di avanzare proposte, fare tentativi, il team non potrà mai trovare soluzioni creative e innovative per migliorare il business.

Ora che ti è chiaro perché questo approccio non funziona, è il momento di eliminarlo. Se ti concentri solo sul marketing ma non sulla struttura della tua azienda, non potrai mai ottenere i risultati che desideri.

Ti faccio un esempio: se vuoi rimetterti in forma, puoi forse sperare di riuscirci eliminando solo i carboidrati? È chiaro che sarebbe un lavoro a metà se non partissi dall’eliminare certe cattive abitudini che condizionano il tuo stile di vita, no?

Nel marketing è lo stesso. 


OKR management: un’alternativa


Un ottimo marketing deve agire all’interno di una struttura  aziendale che lavori per obiettivi, in cui ogni singola risorsa del team abbia chiaro il suo ruolo e conosca i micro e i macro obiettivi del business. Questo tipo di struttura si realizza adottando l’OKR management, in cui OKR è l’acronimo di Objective and Key Results.

Si tratta di un protocollo da mettere in atto immaginando un framework piramidale in cui, in cima, compare l’obiettivo principale da raggiungere. Subito sotto, i 3-5 risultati chiave necessari per raggiungere quell’obiettivo. Ciascun risultato chiave, diventerà un obiettivo di altri 3-5 risultati chiave. 

Se vuoi approfondire l’argomento, ti invito a leggere con attenzione questo articolo, in cui ho parlato di OKR in maniera più dettagliata: OKR: cosa sono e perché applicarli nel tuo business 

Quello che però vorrei fosse chiaro è che questo approccio permette di:

  • individuare i macro e micro obiettivi,
  • prioritizzare le task,
  • trovare e gestire le risorse giuste,
  • direzionare il team verso l’obiettivo,
  • misurare ogni azione

È un  metodo decisamente più efficace del micromanagement, ma capisco che per chi è da sempre abituato a lavorare in un certo modo, modificare le proprie abitudini possa essere complicato. È per questo che _blank offre un servizio dedicato proprio alle aziende che vogliono imparare a lavorare per obiettivi.

Se ne hai bisogno, puoi prenotare una call gratuita con la nostra growth agency rispondendo alle tre rapidissime domande che trovi nella nostra homepage.

Guarda il video

Altri articoli nella stessa categoria

Sono convinta che ti sei già imbattuto in decine di articoli online in cui ti viene promessa la...

Parlando di growth hacking e marketing spesso mi sono concentrata più spesso su funnel di vendita, e...

Un presupposto fondamentale per puntare alla crescita della tua azienda è che questa abbia...

Quando un business non funziona, la reazione più comune tra gli imprenditori è modificare la...

Parlare a tutti significa non parlare a nessuno.  Si tratta di una verità incontrovertibile, e vale...

Verificare il Product Market Fit è il passaggio indispensabile da fare prima di ogni altra azione...